Free download ß Respiro corto

Respiro corto

Download Respiro corto

N i pregi che l'hanno fatto amare da tanti lettori lo stile essenziale la perfetta padronanza dell'intreccio i personaggi che nella loro amoralità e crudeltà riescono ad affascinare perché li sentiamo veri umani nella loro disumanità O nelle loro ossessioni come la straordinaria coppia della poliziotta BB e del boss Grisoni unici a contrastare l'avvento della Dromos GangCome una danza leggera e sapiente ma implacabile uno tra i più amati scrittori italiani ci conduce nella orgogliosa arroganza del nuovo crimine E racconta da par suo una grande storia che spazia dai boschi radioattivi di Cernobyl ai caveau delle banche svizzere Con una irresistibile gang di privilegiatiZosim Sunil Giuseppe Inez La Dromos Gang Si sono conosciuti studiando Economia a Leeds Brillanti impeccabilment. Libro zeppo di per

Download à PDF, eBook or Kindle ePUB free » Massimo Carlotto

«Marsiglia pensò Non ci sono mai stato Gli venne in mente un vecchio film americano sul traffico di droga che aveva visto in un cineclub di Leeds Frugò nella memoria a caccia di immagini Gangster e zuppa di pesce»Massimo Carlotto Respiro cortoSullo sfondo di una Marsiglia mai così affascinante difesa da inguaribili romantici come il commissario Bourdet e il boss Armand Grisoni una generazione di criminali del tutto nuovi scende in campo Hanno studiato Sono giovani spregiudicati e corrono terribilmente veloci Potranno mai fallire Dopo averci raccontato come nessun altro i misfatti del Nordest italiano e averci appassionato con le indagini dell'Alligatore Massimo Carlotto ha deciso di allargare lo sguardo e andare al cuore del crimine dei nostri tempi globale e senza frontiere Co. Da tempo non legge

Massimo Carlotto » 5 Download

E vestiti del tutto amorali ma tra loro fraterni uattro giovanissimi con pesanti famiglie alle spalle piombano su Marsiglia da ogni parte del globo per prendersela tutta Sono convinti che il mondo è di chi corre veloce come il denaro di chi corre più veloce di tutti e il resto non merita di vivere È subito guerra con i vecchi arnesi un tenace boss corso di lunga carriera e una poliziotta in disgrazia che ha un'idea tutta sua della giustizia Mentre un narcotrafficante allo sbaraglio che porta il nome fatale di un grande calciatore proverà a giocare la sua esilarante tragica partitaE Marsiglia il luogo oggi dello scontro criminale per eccellenza dove i conflitti si risolvono a colpi di kalashnikov diventa l'epicentro di un sisma vastissimo dalle conseguenze del tutto imprevedibili. Con Respiro corto


10 thoughts on “Respiro corto

  1. says:

    Scrivere un buon romanzo corale non è semplice soprattutto se così breve e infatti a Carlotto non è riuscito i personaggi sono appena abbozzati e praticamente intercambiabili Aggiungo che la storia mi è parsa molto forzata con dialoghi che sono costretti a diventare fastidiosamente falsi criminali che si spiegano l'un l'altro i piani in continuazione perché così il lettore riesce a stare al passoConsidero uesto libro il classico passo più lungo della gamba


  2. says:

    Divorato in poche ore complici i transfer dall’aeroporto all’hotel in notturnaGli ingredienti ci sono e le trame si svolgono su piani paralleli con intersezioni pericolose i personaggi sono variegati anche se taluni molti poco approfonditi svilendone talvolta la psicologia e la possibilità di incrementare la consistenza del capitolo Si capisce come pochi siano i veri protagonisti e gli altri dei semplici comprimariPiuttosto stereotipate le scelte di Marsiglia Napoli e Pripyat


  3. says:

    Da tempo non leggevo un romanzo di Carlotto come piace a me Lo ritrovo a Marsiglia in una spirale di violenza perpetrata da criminali e poliziotti e da giovani banditi che non si sporcano le mani ma l’anima siViolento molto Ma almeno in uesto romanzo ci risparmia abbastanza i particolari delle torture cosa gradita decisamente e riesce ad appassionare con la sua scrittura asciutta ed essenziale ma non priva di approfondimento delle dinamiche criminali che agiscono nel mondo dell’illegalità dalla droga allo smaltimento rifiuti tossici; dalla prostituzione al commercio di organi Esseri umani considerati come nemmeno le bestie da feroci assassini di vari livelli e con varie capacità che si ritengono al di sopra di ualunue umanitàC’è un po’ di tutto a Marsiglia criminalità organizzata delinuenti disorganizzati assassini e traditori che si sopravvalutano ricchi e rispettabili faccendieri coperti da amicizie importanti poliziotti messi ai margini utili ma impresentabili E tra uesti la commissaria Bernadette Bourdet detta BBEra brutta ribelle cattiva e lesbica In comune con Brigitte Bardot aveva solo le iniziali


  4. says:

    Alcuni mi avevano consigliato Carlotto ualcuno ha paragonato uesto suo romanzo a uelli di Jean Claude Izzo La mia opinione è che ueste persone andrebbero rinchiuse in un manicomioA parte forse la poliziotta BB i personaggi non hanno carattere i luoghi sono non luoghi che potrebbero essere ovunue e giocare sul fatto che Marsiglia ha la fama di città europea criminale per eccellenza è uantomeno suallido Per non parlare della storia in sé e per sé episodi che iniziano e finiscono nell'arco di una paginina e mezza senza suspense senza una descrizioneInsomma uesto libro è un grande no Carlotto è un grande no


  5. says:

    Libro zeppo di personaggi uno peggio dell’altro chi tortura chi uccide chi spaccia chi commercia in organi umani i loro destini si incrociano e le cose inevitabilmente non finiscono bene uasi per nessunoSenza infamia e senza lode è un romanzo troppo breve per gestire tutti uesti personaggi che vengono solo abbozzati e che risultano persino esagerati per uanto sono tutti così privi di scrupoliSeconda esperienza con Carlotto seconda piccola delusione


  6. says:

    Strano e controverso La trama non si comprende subito I personaggi sono confusi e gli ambienti poco descritti Le trame che si susseguono veloci e ingarbugliate Solo grazie alle ultime pagine sono riuscita a comprendere meglio il tutto In pratica dovrei rileggerlo Faticoso


  7. says:

    An alle interessierten Leserinnen und Leser Kauft dieses Buch auf keinen Fall wegen des Klappentextes undoder des Titels Beides hat nur WENIG mit dem Inhalt zu tunGleich zu Beginn habe ich mich bereits gewundert weshalb die Kritiken zu diesem Buch doch verhältnismäßig schlecht ausgefallen sind denn Masssimo Carlotto hat einen klaren schnörkellosen und packenden Stil der mich schon in seinem vorhergehenden Buch 'Banditenliebe' gibt es da keinen Nachfolger? begeistert hat Und an diesem Stil hat sich auch nichts verändert Anhand diverser Verbrecherkreise und einer Kommissarin die sich in ihren Methoden jedoch nur sehr unwesentlich von ihren 'Kunden' unterscheidet deren Wege sich im Laufe des Buches kreuzen wird ein Teil der Gesellschaft Marseilles beschrieben den wohl nur die Wenigsten von uns kennen Die äußerst ungewöhnliche Kommissarin versucht mit ihren eigenen und selten legalen Methoden eine Gruppe von korrupten Geschäftsmännern und Politikern zu überführen und gleichzeitig die Latinogruppen in ihrem Viertel aus dem Drogengeschäft zu drängen Dabei benutzt sie ohne Skrupel einen kleinen mexikanischen Kokainschmuggler der sich unter ihrer Aufsicht ins Geschäft drängt dabei aber glaubt auf eigene Rechnung handeln zu können Zeitgleich sind vier junge hoch intelligente erfolgreiche Ökonomieabsolventen dabei ihr illegal erworbenes Vermögen schnellstmöglich zu vermehren egal auf welchem Weg Dass einer dabei dem russischen Geheimdienst FSB als Agent dienen muss ist momentan irrelevant irgendwie wird man sich des FSB zu gegebener Zeit entledigen Doch dieser hat neben der Überwachung seines Agenten noch ganz andere ZieleWer nun gerade anhand des Klappentextes eine klare durchgehende Kriminalgeschichte erwartet wird von dieser Lektüre vermutlich nicht so begeistert sein Denn klar und durchgehend ist sie nur hin wieder Auch der Originaltitel weist darauf hin Respiro corto heisst mehr oder weniger 'Kurzatmig' was sehr gut zu diesem Buch passt Immer wieder wechselt die Erzählperspektive und man muss gerade zu Beginn etwas Konzentration aufbringen um die Personen einigermaßen auseinanderhalten können Dann bietet sich aber eine wirklich spannungsreiche und fesselnde Geschichte die einen beim Lesen so richtig in die Unterwelt eintauchen lässt ; Aber wie schon beim letzten Buch ein kleiner Haken Es ist einfach viel zu kurz Der Stoff hätte locker auch für zwei bis dreihundert Seiten mehr gereicht


  8. says:

    Con Respiro corto Carlotto ci introduce nei meccanismi della malavita internazionale nella sua trama di alleanze e complotti facendo affiorare le connivenze con ambienti terroristi e politici e tracciando un uadro disperato e insieme disincantato degli sforzi di alcune branche delle forze dell'ordine per contenerlo L'autore ha adeguato lo stile narrativo agli orizzonti dell'opera e il risultato è un romanzo che ricorda molto i thriller di Forsyth Cruz Smith o Patterson nel bene e nel male Respiro corto è una lettura piacevole e non potrebbe essere diversamente vista la maestria dell'autore ma rispetto ai noir che l'hanno preceduto a uesto libro manca un'anima si potrebbe dire che gli manca il blues Immagino che ciò sia voluto perché come le vicende dell'Alligatore trasudano umanità il crimine di oggi è gelido business però per me il vero Carlotto uello che non ti fa posare il libro fino all'ultima sillaba è un altro


  9. says:

    Dromos Corsa in greco anticoEd è davvero una corsa sfrenata uesto nuovo libro di Carlotto Personaggi che si succedono in rapida seuenza Azione continua a moviola accelerata Cambi di scena in rapida seuenzaMi è stato difficile tenere il passo del ritmo che Carlotto ha voluto imporre al suo libro che non trovo così pessimo ma che sconta uesto nuovo taglio con una certa confusione nella trama Alla fine tutto sembra dipanarsi il vecchio boss si riprende il suo posto la Dromos Gang viene in ualche modo 'punita' la poliziotta BB è costretta a tornare nei ranghi Ma sembra comunue che manchi ualcosa e che la storia avrebbe potuto essere più approfonditaO forse verrà approfondita in un probabile seguito?Un piccolo appunto su Marsiglia no ui ahimè non ho ritrovato il profumo e i sapori della Marsiglia di Izzo Ma probabilmente la Marsiglia di Izzo non esiste più


  10. says:

    Carlotto si sposta dalle ambientazioni nel nord est italiano verso Marsiglia e il suo sottobosco malavitoso Scrittura asciutta come sua abitudine in una storia in cui non si vede un barlume di speranza Crimine violenza ingiustizia e casualità personaggi per lo piu' negativi soprattutto le donne che sono di partenza puttane La commissaria e non il commissario unica donna nella teorica parte dei buoni in un mondo fatto di malavitosi e politici corrotti è un poliziotto sui generis che non segue le regole ed è piu' spietata dei malavitosi oltre ad essere rappresentata come il peggior stereotipo di lesbica Forzoso forzato a volte eccessivo uelache atmosfera alla Izzo ma mi lascia ualche dubbio


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *